Cerca
€ 10,00
pp,142, brossura - "Simulacro della voce narrante, nostra Signora dei Turchi si ricongiunge all’orale come corpo minerale della lingua e come edificio vocale della scrittura. Le molte voci del romanzo sono, d’altro canto, le voci ritornanti di chi è in grado di ascoltare ancora sia il minerale sia i residui filamentosi dell’organico: voci di storie barbare e di sangue antico; voci della interiorità di un morto, sopravvissute nelle reliquie di ’lettere non spedite’, favoleggianti portentosi incontri di cavalieri bianco-piumati con ancelle, misericordiose ’infermiere per amor dell’arte’. Voci, sempre e comunque voci, che narrano la risonanza interiore della scrittura da esse impregnata e sequestrata. Voci come minerali preziosi dell’orale-barocco, di una infinita piegatura dell’essere fra l’ascolto e il narrato." (Dall’introduzione di Maurizio Grande)
Dettagli
DatiDescrizione
EAN9788845233487
AutoreBene Carmelo
EditoreBOMPIANI
Data pubblicazione23/03/2005
CategoriaTeatro
Pagine143
Dello stesso autore