A Sud. Il Racconto Del Lungo Silenzio + Cd

PDFStampaEmail
Prezzo di vendita: 15,00 €
Prezzo base: 15,00 €

Categoria:  
Produttore: squilibri
Anno di pubblicazione: 2014
Descrizione

pp.71, brossura 14x20 - illustrato colori e b/n

14 gennaio 1978, Bari, Biblioteca De Gemmis. Con il mio registratore Uher 4400 ero in prima fila per documentare quella che a mio parere si presentava come un’occasione unica: registrare dal vivo, in un contesto pubblico, ma raccolto, la voce di Matteo Salvatore. In quegli anni ero un giovane ricercatore in ambito etno-antropologico e mi dedicavo, insieme a Paola Sobrero, al progetto “Archivio della cultura di base” presso la Biblioteca Provinciale di Foggia.

A Bari frequentavo spesso la Biblioteca Provinciale De Gemmis per l’amicizia e le collaborazioni che mi legavano alla sua direttrice Emanuela Angiuli. Nelle due biblioteche, a Foggia e a Bari, si erano avviati da oltre un anno dei progetti di ricerca e riproposta delle culture popolari.Le biblioteche si aprivano in quegli anni al territorio, anzi lo esploravano e provavano ad affiancare ai beni tradizionalmente ‘librari’ e cartacei, quelli più insoliti e difficili da individuare per la loro ‘immaterialità’: forme ed espressioni dei protagonisti della storia popolare documentate attraverso fotografie, registrazioni su nastro magnetico, i primi video. Il nastro magnetico che registrai quella sera è rimasto nel mio archivio, insieme ad altre centinaia, inascoltato, per più di trent’anni.

Solo oggi il lavoro di digitalizzazione del mio “fondo” (contenente le ricerche effettuate in Puglia con Paola Sobrero alla fine degli anni ’70), promosso dall’Archivio Sonoro di Puglia, ha permesso il salvataggio di una eccezionale quantità di documenti sonori, finalmente fruibili presso la Biblioteca Nazionale Sagarriga Visconti di Bari. Le biblioteche sono tornate così a essere un punto di riferimento per la ricerca e la riflessione sulle culture popolari, culture spesso mantenute ai margini dei processi di documentazione, analisi e approfondimento.

È stato così possibile realizzare questo volume, che unisce alle trascrizioni dei documenti sonori raccolti nel CD allegato, una selezione delle tante fotografie che Paolo Longo ci ha cortesemente inviato per l’occasione, tra quelle proiettate nella performance dal vivo a Bari. In quella umida e fredda sera del 14 gennaio 1978, Matteo Salvatore ritrovò, forse, la stessa atmosfera delle serate romane o torinesi nelle quali, ospite esotico, intratteneva con le sue nenie, le sue storie, le sue ballate, attenti intellettuali borghesi che lo ascoltavano riconoscendolo come simbolo e rappresentante di un popolo che spesso veniva invocato e che, altrettanto spesso, restava sconosciuto e misterioso.

Quella stessa sera, però, noi tutti, ricercatori, insegnanti, studenti, un pubblico eterogeneo, non eravamo in un salotto di un’abitazione privata, ma in una biblioteca pubblica. Era uno dei sogni di Matteo, la biblioteca: “Vorrei che qualcuno scriva un libro sulla mia vita per conservare il mio ricordo nelle Biblioteche di tutta l’Italia e anche all’estero e riuscire a fare anche un film"Alle parole dei libri, dei manoscritti, dei giornali, custodite gelosamente su metallici scaffali, si mescolavano le timide, ma talvolta sfrontate, parole della memoria orale. Parole che non avevano avuto bisogno di carta per trasferirsi di bocca in bocca per anni, per decenni, per secoli. Per una sera, in una biblioteca, le parole di Ernesto De Martino, di Rocco Scotellaro, di Tommaso Fiore, attraverso la voce di Riccardo Cucciolla, non venivano ascoltate quali punti di vista unici, alti, colti, ma accostate sobriamente alla parola, alla voce, di chi era stato osservato, analizzato, interpretato e ora, lì, diceva la sua, confermando o contrastando con la propria diretta esperienza le riflessioni di chi aveva provato a comprendere il ‘mondo popolare’. Emanuela Angiuli chiudeva con questo evento la lunga esposizione della mostra Puglia ex voto. Documenti di cultura popolare in Italia meridionale che dall’estate all’autunno del 1977 aveva accolto scolaresche, studiosi e ricercatori.

L’Angiuli presentava così i contenuti di questa sorta di reading che miscelava musica, letteratura e immagini sul tema della festa: “La festa religiosa, la festa patronale, attraverso le varie situazioni della festa. Nella prima parte delle immagini vedrete una serie di mezzi di trasporto e il momento dell’arrivo alla festa. Vedrete poi il momento della processione, del mercato, vedrete poi il momento della festa e l’esplosione della gioia – attraverso una tarantella –, vedrete ancora i volti e le situazioni della festa, quelli che noi chiamiamo i protagonisti e vedrete ancora il momento più particolare, che è la richiesta di grazia, che si ricollega al tema del comportamento votivo, del comportamento devozionale. E infine vedrete una serie di immagini che riprendono la situazione di base, cioè il culto della divinità.Le immagini fotografiche che quella sera venivano proiettate sono di Paolo Longo, giornalista e fotografo attento soprattutto alle dinamiche festive e collettive delle culture popolari in Puglia, che avevo incontrato spesso al Santuario dell’Incoronata a Foggia, ai Santi Medici a Bitonto, così come nelle manifestazioni sindacali e negli scioperi bracciantili di Cerignola e del Tavoliere delle Puglie”.

Le fotografie di Longo facevano da scenografia virtuale alla voce e alle parole lette da Riccardo Cucciolla, che la Angiuli presentava così: “La presenza di Riccardo Cucciolla non è casuale. Non vogliamo tanto far leva su Riccardo Cucciolla attore impegnatissimo in teatro e nel cinema, ma abbiamo invitato Cucciolla perché è pugliese, perché è molto vicino alla cultura della sua terra, che continuamente lo tiene legato, non soltanto per motivi affettivi, ma per motivi di profonda adesione alla cultura pugliese. Cucciolla vi presenterà, vi leggerà dei brani tratti dalle opere di Ernesto De Martino. Ernesto De Martino ha ancora molte cose da insegnarci ed è grave il vuoto che esiste intorno a Ernesto De Martino nella nostra regione. Ascolterete brani tratti dalle opere di Rocco Scotellaro, brani tratti da Contadini del sud, ascolterete ancora delle pagine di Tommaso Fiore. Tommaso Fiore conosceva molto profondamente il mondo della cultura rurale della Puglia, e ascolterete ancora altre pagine tratte da autori meridionali”.

Matteo Salvatore fu l’autore della colonna sonora di quella serata. Accompagnava con la sua chitarra i testi letti da Cucciolla e tra una lettura e l’altra raccontava e cantava le sue storie, in cui le parole assumevano la nitidezza di immagini, istantanee di una memoria cristallizzata.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Prenota le tue vacanze a Santa Maria di Leuca

Prenota subito con salentolibri.it le tue vacanze a Santa Maria di Leuca (Le). Un confortevole appartamento o mansarda a vostra completa disposizione tutto l'anno. Qualità garantita da noi !
Vacanza a Leuca. Con salentolibri.it hai la possibilità di trascorrere dei magici momenti in totale relax in una delle città più suggestive del Salento. Il nostro appartamento è a pochi metri dal centro della città e dal mare. Puoi consultare le disponibilità on line e relativi prezzi. Cliccando sulla foto verrai indirizzato sulla pagina sempre gestita da noi.